I pasti avanzati agli indigenti: le nostre scuole contro gli sprechi alimentari

Le scuole di Bagno a Ripoli hanno dichiarato guerra agli sprechi alimentari e hanno deciso di donare alle famiglie indigenti i pasti che non vengono distribuiti alla mensa.

Un progetto bellissimo, nato da alcuni alla scuola elementare “Marconi” di Grassina grazie alla collaborazione di bambini, genitori, insegnanti, Comune, Siaf e Caritas. E che adesso sta per partire anche alla scuola “E. Agnoletti” del Padule con l’acquisto di un nuovo abbattitore di temperatura reso possibile dall’iniziativa benefica che nei giorni scorsi ha richiamato alla sala parrocchiale della Pentecoste quasi settecento persone che hanno donato circa 5mila euro. 

Vi do alcuni numeri per farvi capire la portata di questa iniziativa. Lo scorso anno, i bambini hanno recuperato circa 9 mila piatti tra primi e secondi, 3000 pezzi di frutta e 270 chili di pane. Tutti alimenti che sarebbero finiti nel cestino e che invece hanno dato una risposta concreta a chi un pasto non può permetterselo, una sessantina di famiglie con difficoltà economiche residenti sul territorio. Numeri di solidarietà che potranno aumentare con l’estensione del progetto alla scuola del Padule!